Il procuratore Raffaele Guariniello ha mobilitato gli ispettori delle Asl di tutta Italia. Il rischio è che gli operai che si sono occupati di eliminare le parti in amianto dalle vetture della cinese Great Wall Motors si siano ammalati di tumore. Un’inchiesta era stata avviata proprio dal magistrato torinese nel febbraio del 2014: la questione è legata alla presenza di parti realizzate con il materiale cancerogeno nelle guarnizioni dei tubi di scarico. Alla procura di Torino risulta che l’azienda avesse fatto alcune campagne di richiamo, chiedendo ai rivenditori di provvedere alla bonifica. Le Asl sono incaricate di verificare se ci siano stati casi di contaminazione tra i lavoratori delle concessionarie che hanno venduto le auto dell’azienda cinese, che potrebbero avere operato senza protezioni come guanti e mascherine. 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Accessori auto, i 10 di cui non si sentiva la mancanza: dal cielo stellato al caffè

next
Articolo Successivo

Riforma codice della strada, preferenziali aperte a moto e bici, le 125cc in autostrada

next