Vent’anni, personalità esuberante, look da dandy: Lucio Corsi è tra i più giovani cantautori della scena indipendente italiana e già con il suo primo EP (Vetulonia/Dakar) si è fatto notare da stampa e pubblico, anche grazie e due esibizioni importanti, una sul palco del Mi Ami Festival, a Milano e l’altra in apertura al concerto di Brunori Sas, a Firenze. Quanto all’emozione di suonare davanti a così tanta gente, però, Lucio ironizza: “Al Mi Ami c’erano venti persone, ho suonato alle cinque del pomeriggio e più che altro faceva caldo. Certo, è stata la mia prima esperienza al festival organizzato da Rockit ed è stato bello, così come aprire a Brunori all’Anfiteatro delle Cascine: un luogo incredibile, favoloso. Tra l’altro non tornavo in Toscana da un mese, ne avevo bisogno”.

I brani scelti da Lucio Corsi:
Piero Ciampi – Conphiteor
Paolo Conte – Una giornata al mare
Nick Drake – One of these things first
Enzo Jannacci – Messico e Nuvole
Flavio Giurato – Orbetello
Diaframma – Caldo
Lucio Dalla – Amici
Faust’o – Oh Oh Oh
Vasco Rossi – Voglio andare al mare
Rino Gaetano – A Kathmandù

Come hai scelto i brani della playlist per i lettori de Ilfattoquotidiano.it?
Per motivi differenti. Alcuni mi ricordano giornate estive nelle quali si sta fuori, all’aperto. Altre sono canzoni che ho ascoltato molto in questo luglio passato in città: parlano di mare e dato che qui a Milano non c’è, in qualche modo bisogna inventarselo.

Vent’anni, un percorso che parte dai live e da un EP d’esordio registrato in fretta: una strada diversa dai tuoi coetanei che scelgono i talent show. Hai mai pensato di partecipare a uno di questi programmi?
No, non mi è mai passato per la mente. Ritengo sia un mondo a parte, con una concezione della musica totalmente differente dalla mia. Questi programmi appiattiscono la personalità: tutto è studiato per promuovere un mercato “fatto di plastica”, con ben poca sostanza. E poi non riesco bene a cantare pezzi scritti da altri, eccetto quelli che ritengo davvero belli.

Nei tuoi testi dai molto spazio a temi come la campagna, gli animali e la tua terra d’origine: credi che i tuoi coetanei, spesso più attratti dall’ambizione della grande città che dai ritmi semplici della vita agreste, possano ritrovarsi nella tua scrittura?
Non so se si ritrovino o meno nei miei testi, ma non mi interessa più di tanto. Dopo essere andati a vivere in una grande città, molti ragazzi toscani che conosco tornano malvolentieri nel paesino d’origine e tendono a criticare ogni suo aspetto, ogni sua “mancanza”. Io, dopo aver preso casa a Milano, ho imparato ad apprezzare ancora di più la Maremma e ci torno felice perchè respiro meglio, a “farmi ombra” non sono i palazzi ma gli alberi, c’è il mare e ci sono i miei cani.

Che rapporto hai con il rap italiano?
Ultimamente ascolto molto rap, ma d’oltreoceano, come Tyler the Creator o i Death Grips. Il rap italiano l’ho ascoltato tanto negli anni passati, anche se già suonavo canzoni che con questo genere avevano poco in comune. Apprezzavo soprattutto i primi rapper degli anni 90 come Inoki, Joe cassano, le Sacre Scuole e i Sangue Misto e, ancora oggi, li ritengo molto importanti: hanno un modo diverso di comunicare concetti rispetto al cantautorato classico, un modo più diretto, immediato e proprio per questo più attuale e moderno. Tante cose che al giorno d’oggi ci propongono come rap in realtà non hanno niente a che fare con questo genere musicale: sono caricature, finzione. Se si cerca un po’ però qualcosa di buono c’è: stimo Dj Gruff, gran testi.

Chi sono i tuoi musicisti di riferimento?
I miei tre musicisti stranieri preferiti sono David Bowie, Iggy Pop e Lou Reed. Sono un appassionato del glam rock anni 70: i T. Rex, Brian Eno ai tempi di Here Come The Warm Jets. La mia prima ispirazione musicale però sono stati i Genesis, i primi Genesis, quelli con Peter Gabriel. Di italiano ascolto soprattutto il cantautorato: Lucio Dalla, Flavio Giurato, Piero Ciampi, Ivan Graziani, Giorgio Gaber, Enzo Jannacci, Faust’o e Renato Rascel. Inoltre credo sia molto importante quel che ha scritto e scrive Giovanni Lindo Ferretti, sia con i CCCP, che con i CSI e con i PGR. Per quel che riguarda la musica italiana contemporanea, invece, apprezzo i Baustelle.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Musica: Unaltrofestival è possibile

next
Articolo Successivo

Musica, il metal dei Ravenscry che cerca gloria fuori dall’Italia

next