Il boss dell”ndrangheta Umberto Bellocco dava vere e proprie lezioni sull’utilizzo delle armi. È quanto emerge in un’intercettazione inserita nell’inchiesta “Sant’Anna” che ha portato all’arresto di 8 persone accusate di associazione mafiosa, porto e detenzione illegale di armi e munizioni. Al centro dell’inchiesta il tentativo di Umberto Bellocco di ricostruire la cosca, alleata con i Pesce di Rosarno, dopo un lungo periodo di detenzione. Ventuno anni di carcere, infatti, non hanno scalfito la leadership del boss che, appena tornato nella “sua” Rosarno, ha ripristinato i rapporti con gli altri esponenti della ‘ndrangheta della Piana di Gioia Tauro. Umberto Bellocco stava, quindi, riorganizzando la “famiglia” e per farlo ha incaricato i suoi affiliati di reperire armi necessarie per riaffermare il proprio prestigio criminale e la propria capacità di controllare il territorio. Era lui stesso a spiegare ai familiari e agli altri gregari della cosca come si usa la pistola. “Quando la prendi, spari – si sente la voce del boss in un’intercettazione registrata dai Carabinieri -. Questa qua (indicando la pistola) è super automatica, il grilletto spara lei, senza che ti preoccupi della sicura” 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reggio Calabria, il testimone di giustizia: “Disperato: dopo la ‘ndrangheta, Equitalia”

next
Articolo Successivo

Friuli Venezia Giulia, spese pazze. Corte dei Conti condanna ex consigliere Pdl

next