Faceva troppa confusione. Così un professore, per “calmarlo”, lo ha chiuso a chiave in classe mentre i compagni stavano facendo ricreazione. E’ successo a un 16enne disabile che frequenta il Rossellini, un istituto superiore della capitale. La denuncia è partita dalla madre del ragazzo, che ha presentato una querela ai carabinieri di Aprilia, in provincia di Latina. Il caso è oggetto di una lettera della deputata del Pd Laura Coccia al ministro dell’Istruzione Stefania Giannini. Nella missiva la parlamentare ha parlato di “un gravissimo caso di discriminazione perpetrato nei confronti di un alunno disabile regolarmente iscritto nell’Istituto”.

La deputata racconta che il ragazzo è stato vittima anche di episodi di violenza e umiliazione. “Ho immediatamente segnalato il caso al Miur”, spiega la parlamentare, “che ha già provveduto a inoltrare la mia denuncia all’ufficio scolastico regionale del Lazio che farà le verifiche del caso ed eventualmente manderà un’ispezione per stabilire come si sono svolti i fatti. Se le informazioni ricevute fossero confermate”, continua Coccia, “ci troveremmo di fronte ad un episodio sconcertante che richiederebbe un immediato intervento“. La deputata del Pd evidenzia che non essendo il primo caso di violenza su disabile, servono iniziative politiche per migliorarne l’inclusione e condannare questi casi. 

Il fatto risalirebbe allo scorso 26 maggio. La donna avrebbe dichiarato che quel giorno un docente ha chiuso in classe il figlio minorenne, affetto da ipercinesia, insieme ad alcuni compagni con l’intenzione di tenerlo lì fino a quando non si fosse calmato. Da quel momento, secondo la madre, il clima si sarebbe inasprito e il ragazzo avrebbe subito altre umiliazioni da parte di compagni e professori.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Genova, Pd contro Doria: “La maggioranza che lo sostiene non c’è più”

prev
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, inchino al boss: il vescovo di Oppido sospende tutte le processioni

next