Dopo l’umiliazione subita contro la Germania su Instagram il centrocampista del Bayern Monaco, Luiz Gustavo, esterna la sua certezza: “Saremo ricordati per sempre, molti rideranno di noi e ci prenderanno in giro, qualcuno è felice per ciò che è successo. Io in questo momento non ho la forza di guardare qualcuno negli occhi”.

Luiz Gustavo non si ferma qui: “E’ stata la peggiore sconfitta nella storia della Coppa del mondo, sappiamo che siamo 23 volti che da oggi in poi rimarranno marchiati a causa di una sconfitta con la maglia della nazionale. Giusto o no, dobbiamo essere umili, riconoscere i nostri errori e saper convivere con le critiche che, a partire da adesso, faranno parte delle nostre vite”.

Il Mondiale rimarrà comunque un’esperienza indimenticabile per Luiz Gustavo: “Ho visto un paese senza diseguaglianze sociali, dove tutti ci sentivamo uguali a ogni partita. Ho visto bambini piangere e vecchi cantare, ho visto persone con problemi vivere come quelle normali. E tutto questo attraverso la Nazionale. Per questo ora chiedo scusa, ma spero che ci saranno altri 23 che facciano nuovamente in modo che i brasiliani possano tornare a tifare con amore e identificarsi con i giocatori. Il nostro sogno più grande era di dare allegria a tutti, perché sappiamo che siamo un popolo che ha sofferto e ha combattuto. Non entravamo in campo pensando soltanto a noi, ma con l’orgoglio e l’amore per questo paese”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mondiali, Rihanna: “Che figo Romero”. Moglie: “Se vinciamo te lo presto”

prev
Articolo Successivo

Argentina, la versione di Maradona: “Messi stanco, Mascherano un esempio”

next