Oltre che dai gol della Germania, ben sette, il Brasile è stato sommerso anche dagli sfottò del web. Tra tutti spicca la fotografia con la quale Diego Armando Maradona, sorridente, fa 7 con le mani in evidente riferimento al numero di gol incassati da Julio Cesar. La foto, tuttavia, ha tutta l’aria di essere un fotomontaggio, sullo stile di tanti altri che stanno circolando.

Tutto vero, invece, quello che sta accadendo sulla stampa brasiliana che non sta usando la mano leggera nei confronti della Seleçao di Felipe Scolari. I titoli sono emblematici: “Massacrati”, “Vergogna e umiliazione”, “La più grande vergogna della storia”, solo per citarne alcuni. Su Twitter, poco dopo il triplice fischio finale dell’arbitro messicano Rodriguez, è arrivato anche il commento della presidente brasiliana Dilma Rousseff: “Mi dispiace immensamente per tutti noi tifosi e per i giocatori”, il suo post.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Brasile, Julio Cesar: “Brutto colpo, chiediamo scusa”

prev
Articolo Successivo

Brasile 2014, Felipao Scolari non lascia: “Dopo il Mondiale vedremo”

next