Per l’industria cinematografica statunitense quello passato rimarrà come il weekend con uno dei peggiori risultati da almeno un decennio. La festa del 4 luglio, generalmente una delle più attese per gli introiti delle pellicole sul grande schermo, è stata un disastro al botteghino: infatti il sequel Transformers 4 – L’era dell’estinzione di Michael Bay e la commedia con Melissa McCarthy Tammy hanno registrato guadagni molto sotto le aspettative, portando il box office americano a un abbassamento del 44% rispetto al 4 luglio dello scorso anno, quando furono lanciati Cattivissimo me 2 e The Lone Ranger. “Questo si classifica come uno dei 4 luglio più bassi di sempre – ha detto uno degli analisti di Rentrak, società di misurazione dei botteghini Usa – pensiamo a questa festa come a un grande weekend. Quest’anno non ci resta che leccarci le ferite e aspettare Apes Revolution – Il pianeta delle scimmie e alcuni altri film che ci rimettano in carreggiata”. 

Transformers 4 della Paramount, già uscito dal 27 giugno, è primo in classifica con un indotto stimato di 36,4 milioni di dollari nel weekend: il suo esordio della scorsa settimana è stato il più grande del 2014, con 100 milioni di introiti, ma è sceso di un considerevole 63% nella seconda settimana, nonostante la concorrenza relativamente debole. Tammy della New Line, uscito il 2 luglio, è secondo in classifica con un indotto di 21,2 milioni: ha come protagonista una delle attrici comiche più di successo negli Usa, ma è un film ‘casalingo fatto solo con un budget di 20 milioni e diretto dal marito della McCarthy, Ben Falcone. Anche se i critici lo hanno fatto a pezzi, dal giorno di uscita ha già guadagnato 32,9 milioni di dollari in cinque giorni.  Al terzo posto Liberaci dal male, horror della Sony Screen Gems con protagonista Eric Bana che non aveva ambizioni di blockbuster e che ha debuttato a 9,5 milioni di dollari, seguito da due titoli già in sala da metà giugno (22 Jump StreetDragon Trainer 2), mentre al sesto si è piazzato un altro debutto, l’animato Earth to Echo della Relativituy Media, con 8,3 milioni di dollari. Tutte pellicole, e cifre, lontane dai risultati di altre giornate dell’Indipendenza del passato, da Spider-Man 2 a La guerra dei mondi, dai precedenti Transformers a ovviamente, Independence Day. Tuttavia, gli analizzi teorizzano che anche i Mondiali del Calcio in Brasile possano aver spaventato le major che possono aver deciso di rinviare le uscite. Tra queste, il nuovo Il pianeta delle scimmie, in uscita il 10 luglio in Italia e l’11 luglio negli Stati Uniti, che ci si aspetta che sia uno dei successi dell’estate

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Beatles, A hard day’s night di Richard Lester incanta Bologna 50 anni dopo

next
Articolo Successivo

Giffoni Film Festival 2014, programma e ospiti: da Richard Gere a Luca Argentero

next