Ha filmato Neymar sulla barella all’interno dell’ospedale in cuil’asso brasiliano è stato ricoverato dopo l’infortunio. Ha postato il video in Rete ed è stata licenziata in tronco. L’infortunio di Neymar non ha messo nei guai solo Felipe Scolari e il Brasile. Al suo arrivo presso l’ospedale Sao Carlos di Fortaleza, l’attaccante verdeoro è stato filmato da un’infermiera con tanto di selfie accompagnata dalla ‘V’ con le due dita di vittoria. Secondo quanto riportato dal sito brasiliano R7, la donna di nome Cinthia è stata licenziata.

L’infermiera, infatti, ha realizzato un video col telefonino di 28 secondi nel quale si assiste all’arrivo di  Neymar in un corridoio dell’ospedale con numerosi inservienti al seguito pochi attimi prima di venire sottoposto ad una risonanza magnetica. L’amministrazione del Sao Carlo ha chiarito di aver licenziato l’infermiera per “non aver protetto la privacy di un paziente”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Brasile 2014, Willian aspetta e spera: “Un sogno giocare con la Germania”

next
Articolo Successivo

Brasile 2014, Schweinsteiger: “Un vero peccato non sfidare Neymar”

next