Questa sera, nel piccolo stato della Città del Vaticano ci sarà una sorta di derby tra Papa Francesco e le guardie svizzere che osserveranno da diretti interessati l’ottavo di finale mondiale tra l’Argentina, stato natale del Bergoglio, e la Svizzera, paese da cui provengono le milizie pontificie. Pare addirittura, secondo quanto riportato dalll’agenzia francofona di informazione vaticana I.Media, che il Papa avrebbe detto scherzando ad una delle guardie “Sarà guerra!“.

Inoltre le guardie svizzere avrebbero invitato Papa Francesco a vedere la partita insieme ma lui nel loro quartier generale ma Bergoglio ha risposto che “purtroppo” non può. Bergoglio è una grande appassionato e noto tifoso del San Lorenzo ma per questi Mondiali si è sempre detto neutrale. Per quanto riguarda le guardie svizzere, nel loro quartiere dentro il Vaticano, dalla parte di Porta Sant’Anna, i 110 uomini al servizio della sicurezza del Pontefice sono organizzati in modo da non perdere nessuna partita della Coppa del Mondo, con uno schermo gigante al centro della caserma e ovunque le bandierine delle nazionali, in prevalenza quella rossocrociata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mondiali 2014, il cileno Pinilla si tatua la traversa colpita col Brasile al 120′

prev
Articolo Successivo

Ottavi di finale mondiali 2014: frattura di tibia e perone per il laziale Onazi

next