L’incredibile storia dell’Ospedale di Belcolle, a Viterbo, iniziato a costruire 40 anni fa e mai terminato, si intreccia con quella dello storico Ospedale degli Infermi, svuotato definitivamente nel 2005 e abbandonato al degrado. Contestualmente sono ben 2,6 milioni di euro l’anno i soldi spesi dalla Asl, per affitti di locazione di uffici e poliambulatori, mentre nella provincia continua la progressiva dismissione degli ospedaletti. Come quello di Montefiascone, un tempo fiore all’occhiello per interventi specialistici, ora lasciato vuoto, mentre i poliambulatori sono situati presso locali presi in affitto al costo di 111mila euro l’anno. A Tarquinia invece, sempre a causa di lavori mai terminati, i poliambulatori si trovano da anni all’interno dei locali dell’Hotel Sporting Club, per la cifra di 125mila euro annui. Tutto questo oltre a causare una perdita ingente di denaro pubblico, comporta una mobilità passiva dei pazienti: 800mila quelli che si curano fuori regione per la carenza cronica di posti letto, che incidono sul bilancio della sanità del Lazio per un totale di 130 milioni di euro  di Alice Gussoni

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Immigrazione, 30 cadaveri nel Canale di Sicilia. Già superato record sbarchi 2011

prev
Articolo Successivo

Vladimir Luxuria aggredita: ‘Minacciata dai pusher della droga del Pigneto’

next