È calabrese uno dei 4 italiani tra i migliori matematici al mondo. Originario di Longobucco, Giuseppe Marino ha rifiutato offerte importanti come quella di insegnare all’università dell’Alabama negli Stati Uniti o dalla Cina. Studioso di analisi funzionale e teoria del punto fisso, non ha mai voluto lasciare la Calabria ed è docente ordinario di analisi matematica all’Unical di Cosenza anche se collabora con l’università dell’Arabia Saudita. L’Istituto di ricerca “Thomson Reuters” lo ha inserito nella graduatoria dei 3200 scienziati internazionali. Di questi solo il 2% sono italiani ma molti lavorano all’estero. “Mi ha frenato l’amore per la mia terra. – commenta Marino – Mi ha sorpreso questo riconoscimento. Ho sempre lavorato cercando di portare avanti i giovani. La soddisfazione che mi danno gli studenti è impagabile”. Il docente coglie l’occasione per fare un punto sull’università che “in Italia è molto bistrattata dai politici che hanno dimezzato i fondi. Spero ci sia un cambio di rotta perché le nostre persone di valore se ne stanno andando. Il laboratorio di informatica ha una ventina di computer che risalgono a 12 anni fa. In nessun’altra parte del mondo accade questo”. Renzi? “Una brutta copia di Berlusconi”  di Lucio Musolino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Egitto, adesso il governo censura anche la soap opera: “Offende le forze dell’ordine”

prev
Articolo Successivo

Ucraina: alle accuse di nazismo rispondo con le parole di Pertini

next