Ancora ombre sulla ricostruzione nel post terremoto dell’Aquila, distrutta dal sisma del 6 aprile 2009. La Guardia di Finanza sta eseguendo sette ordinanze di custodia cautelare, quattro in carcere e tre ai domiciliari, nei confronti di imprenditori impegnati nella ricostruzione. I provvedimenti, emessi dal gip Marco Billi, riguardano una lunga indagine sull’infiltrazione dei Casalesi nei cantieri della ricostruzione degli edifici privati danneggiati dal sisma. Gli imprenditori arrestati sono accusati, a vario titolo, di estorsione aggravata dal metodo mafioso, intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro. 

Per massimizzare i profitti nei milionari appalti della cosiddetta ricostruzione privata i sette imprenditori coinvolti nell’inchiesta della Direzione Distrettuale Antimafia dell’Aquila si rivolgevano alla camorra, in particolare al clan dei Casalesi, per farsi procurare le maestranze a basso prezzo. È quanto emerge dagli atti dell’operazione “Dirty Job” che ha portato agli arresti, tre in carcere e quattro ai domiciliari, di sette imprenditori che operano nell’ambito della ricostruzione privata, quella caratterizzata dall’assenza di bandi pubblici con i lavori che possono essere affidati direttamente dai cittadini proprietari degli immobili danneggiati dal sisma del 6 aprile 2009; per questo l’accusa di “contiguità con il clan dei Casalesi”. Le sette misure cautelari sono state tutte eseguite dagli uomini della Guardia di Finanza dell’Aquila. I tre appartenenti alla famiglia Di Tella, Alfonso, Cipriano e Domenico, il marsicano Michele Bianchini, in carcere, e l’ex presidente dell’Aquila Calcio, Elio Gizzi, attuale amministratore delegato e direttore generale del sodalizio rossoblù, e i fratelli Dino e Marino Serpetti, ai domiciliari.  Gli indagati dovrebbero essere una ventina tra imprenditori e soggetti che lavoravano per loro. Secondo quanto si è appreso i sette stavano effettuando importanti e ingenti lavori nell’ambito della ricostruzione privata.

“La vera forza delle mafie sta fuori le mafie, in quella zona grigia che le circonda e assume rapporti a scopo di profitto”. Così il procuratore nazionale antimafia, Franco Roberti, nel corso della conferenza stampa all’Aquila dopo i sette arresti di imprenditori accusati di “contiguità con il clan casalesi”. “Oggi non parleremmo di infiltrazioni – ha fatto notare – se non ci fossero alcune imprese che, dopo aver acquisito dei lavori, li hanno appaltati in toto alle imprese criminali tramite i Di Tella”. Una critica è arrivata alla governance della ricostruzione. “L’insufficienza dei controlli è stata agevolata da un quadro normativo molto debole – ha attaccato – non affidato a norme vincolanti, ma a linee guida puntualmente disattese”. Roberti ha rimarcato anche che “non ci sono atti violenti, ma solo intimidazioni a cedere indietro una parte del guadagno che andava a comporre fondi neri. Ma c’era l’accordo di tutti – ha proseguito – i lavoratori venivano presi, portati qui a lavorare e poi costretti a restituire una parte dei loro legittimi guadagni al clan e agli imprenditori”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ciro Esposito è morto, la famiglia: “Ci disse che a sparare fu De Santis”

next
Articolo Successivo

Padova, il sindaco: “Un bel crocifisso obbligatorio regalato dal Comune”

next