A tutto c’è un limite. I soldi molto spesso danno alla testa, creano potere e generano senso di impunità. E se a questo si aggiunge la notorietà e la giovane età spesso la combinazione è difficile da gestire. Mario Balotelli, giovane fortunato giocatore di calcio, ora, dopo tante bravate commesse, ha superato il limite della decenza.

Il calcio in questi anni è sempre più privo di buoni esempi e di utilità sociale. E certi personaggi di certo non aiutano. La cosa più fastidiosa è il nascondere le proprie responsabilità dietro assurdi elementi, come ad esempio il colore della pelle. L’Italia è un Paese oramai evoluto e di certo non razzista. Gli idioti ci sono in ogni famiglia ma l’Italia non è razzista.

E sia chiara una cosa al giocatore Balotelli. Nessuno degli sportivi italiani lo ha mai criticato perché di pelle nera. Ed è una cosa assurda pensarla proprio ora. Però questa cosa non deve essere utilizzata al contrario e con il solito penoso vittimismo. Non c’è cosa peggiore di trincerarsi e fare la vittima nascondendosi dietro vecchi stereotipi.

Una marea di giovani ragazzi crescono seguendo il calcio e la Nazionale. Vedono ed osservano. E per imparare hanno bisogno di guardare e prendere esempio da veri uomini. Le esternazioni odierne di Balotelli lasciano sgomenti per il pensiero contorto ed offensivo espresso. Un pensiero che va contro l’Italia e contro chi in tutti questi anni lo ha considerato a tutti gli effetti italiano. Senza mai alcun pregiudizio. Qui si parla di maturità e di rispetto degli altri.

Caro Balotelli, sei proprio tu che devi toglierti questo tuo grande preconcetto utilizzato solo e sempre come scusa. L’uomo vero non si riconosce dal colore della pelle. Hai avuto il grande onore di indossare una maglia importante e di una Nazione che ha fatto grossi sacrifici per essere riunita. Se non ti senti italiano nessuno di noi ti ha obbligato a farlo ne tanto meno ti abbiamo voluto regalare lauti compensi.

Per una volta la Federazione Italiana Gioco Calcio dia un segnale forte e chiaro. Certe situazioni hanno solo creato grossi problemi a tutta la squadra Italiana. E di certo Prandelli male ha fatto a convocarlo nonostante l’immaturità ampiamente e più volte dimostrate. C’è gente e di ci sono ragazzi che pagherebbero per giocare almeno una volta con la maglia della Nazionale. E lo farebbero gratis e ben volentieri. Suderebbero per interi 90 minuti senza sosta e senza remore.

E lo farebbero anche tanti ragazzi di tutte le varie provenienze che in questi anni vivono e si sentono veramente italiani e soprattutto uomini. Tutto il resto sono assurdità che ci hanno veramente stufato. Il finto buonismo di facciata e i falsi vittimismi siano definitivamente cacciati. L’Italia merita rispetto. Se fosse per me Balotelli non giocherebbe mai più nella Nazionale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mondiali Brasile 2014: con i se e con i ma, oggi siamo tutti allenatori

prev
Articolo Successivo

Mondiali 2014: io sto con Balotelli

next