Il gruppo euroscettico Efd di Nigel Farage e del M5S si è riunito per la prima volta al Parlamento europeo. Modificato il nome: da “Europa della Libertà e Democrazia” a “Europa della Libertà e Democrazia diretta”. David Borrelli, co-presidente insieme al leader Ukip Farage, dice:  “Continueremo sulla stessa strada con i nostri sette punti di programma”. Farage: “Siamo l’unico vero partito euroscettico. I cittadini italiani e britannici devono sapere cosa succede qui a Bruxelles”. Sempre Borrelli promette: “Ci batteremo per l’abolizione dei trattati, il fiscal compact e altri che potrebbero seguire, e per una maggiore partecipazione dei cittadini europei”. E Farage prevede nuove adesioni al gruppo Efd entro la fine dell’anno, probabilmente dall’Ecr. I deputati M5S sederanno all’estrema destra dell’emiciclo, posto riservato all’Efd? Borrelli: “Poco importa, ci sederemo su una sedia”  di Alessio Pisanò

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’Egitto e i cronisti di Al Jazeera: i giornalisti venduti e quelli un po’ meno

prev
Articolo Successivo

Cristina di Spagna, l’ex infanta rinviata a giudizio per frode fiscale e riciclaggio

next