Gli azzurri perdendo contro la Costa Rica si complicano il cammino che porta dritto agli ottavi. Il destino della nazionale di Prandelli si compirà nella terza e ultima partita del girone D, quella di martedì 24 giugno a Natal contro l’Uruguay di Suarez e Cavani (calcio d’inizio alle 18). Per qualificarsi agli ottavi di finale, l’Italia ha a disposizione due risultati su tre: il pareggio e la vittoria. In caso di sconfitta il Mondiale sarebbe già finito.

In caso di pareggio contro l’Uruguay la squadra di Prandelli passerebbe il turno come seconda classificata del girone D dietro alla Costa Rica, che nella terza giornata se la vedrà contro la già eliminata Inghilterra. Gli azzurri e la squadra di Tabarez salirebbero entrambe a quota 4 punti, ma a premiare l’Italia sarebbe la differenza reti (zero, rispetto al -1 dei sudamericani).

In caso di vittoria contro l’Uruguay, per l’Italia potrebbe addirittura aprirsi un piccolo spiraglio per qualificarsi agli ottavi come prima classificata del Girone D. Servirebbe una vittoria netta degli azzurri (magari con due gol di scarto) e una sconfitta altrettanto netta della Costa Rica contro gli inglesi. Ad esempio: ItaliaUruguay 2-0 e Costa Rica-Inghilterra 02. In quel caso a premiare gli azzurri, che aggancerebbero i Ticos al comando del gruppo a quota 6 punti, sarebbe la differenza reti che al momento premia naturalmente i centramericani (+3) rispetto all’Italia (0).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mondiali 2014: Ecuador si riscatta, 2-1 all’Honduras

prev
Articolo Successivo

Mondiali 2014, Argentina-Iran: ecco le formazioni ufficiali

next