Molti pensano che il segreto di un campione sia nei piedi, in realtà è tutto nella testa. Recita così lo spot di uno shampoo antiforfora che vede come testimonial Andrea Pirlo e interrompe ogni due per tre le trasmissioni Rai e le notti mondiali.
In parte è vero, forfora o non forfora, il segreto di un campione è nella testa. Ma è anche nei piedi. E il metronomo bresciano, dal capello lungo e dalla barba incolta, da far invidia al Nazareno, lo sa bene. L’hanno capito anche i suoi avversari. Che siano leoni o leoncini inglesi, galli o galletti francesi e panzer o panzerotti tedeschi poco importa. La maledetta vale per tutti. Wow! Ha esclamato il portiere Hart. Incredulo davanti a tanto bendidìo a fine partita, dopo la traversa colpita dal capitano azzurro.

Quella di Andrea Pirlo contro l’Inghilterra, con la fascia al braccio per il forfait di Gigi Buffon, è stata, a detta di tutti, l’ennesima prestazione super del playmaker bianconero, con la stampa inglese che lo ha esaltato definendolo sublime e incredibile.
God save the… Pirlo! God save the… Pirlo! Classe pura e infinita. Intelligenza e fantasia. Poche parole e tanti fatti. Il maestro Andrea ancora una volta ha dettato le regole del gioco e ha diretto l’orchestra italiana come ha sempre fatto, sia in nazionale sia nei club. 

Grazie anche all’intuizione di due allenatori come Mazzone e Ancelotti, che dopo l’esperienza infelice nella pazza Inter e una parentesi a Reggio Calabria, hanno pensato bene di arretrare la sua posizione, da regista avanzato a regista davanti alla difesa. Prima nel Brescia di Carletto da Roma, poi nel Milan di Carletto da Reggiolo. E dal 2011 nella Juventus di Antonio Conte, grazie al regalo della dirigenza rossonera con la complicità di Massimiliano Allegri, che neanche Babbo Natale e la sua squadra di renne dopo aver letto la letterina di un bambino. Con una cecità che José Saramago avrebbe fatto fatica a immaginare e raccontare.

È in questo ruolo che Andrea Pirlo si è affermato come uno tra i migliori centrocampisti del mondo. Il suo calcio da allora è musica. Sinfonia. Un calcio essenziale e mai superficiale.
“Grandezza, genio e maestria sono parole di cui il mio lessico non può fare a meno”. Lo dice Alfred Brendel, uno dei più grandi musicisti sulla scena della musica classica, nel suo libro Abbecedario di un pianista (Adelphi edizioni). Sono le parole giuste per descrivere l’uomo e il calciatore Andrea.
Grandezza, genio e maestria. Proprio come i grandi della musica, che emozionano con note e sincopi, accenti e accordi. Tecnica e fantasia. Tanta tecnica e tanta fantasia. Come quella di Andrea che entusiasma con i suoi tocchi di palla e le sue finte. Con il cucchiaio e La maledetta.
God save the…Pirlo! God save the…Pirlo!

Poi, se Dio vuole, può salvare la regina e fare uno shampoo al diavolo rossonero. Capelli o non capelli. Forfora o non forfora. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mondiali 2014, tutti gli esordi dell’Italia dal 1934 alla vittoria con l’Inghilerra

next
Articolo Successivo

Mondiali 2014, esordio della Russia contro la Corea del Sud: Capello è l’arma in più

next