Frenare di fronte a un ostacolo improvviso: può sembrare una banalità, eppure la manovra può rivelarsi molto pericolosa se non la si effettua nella maniera corretta. Questo e molto altro s’impara durante i corsi di guida sicura, il cui scopo è insegnare come si prevengono le situazioni pericolose e come ci si comporta in caso d’emergenza, un argomento purtroppo trascurato dalle autoscuole. Fra i tanti corsi disponibili in Italia, noi abbiamo seguito per una giornata quello organizzati dalla BMW in collaborazione con la scuola “Guidare Pilotare” di Siegfried Stohr, che fra l’altro è l’unico organizzato da una casa automobilistica ad aderire al protocollo stabilito dal ministero dei Trasporti per valutare quanto la partecipazione a un corso di “guida sicura avanzata” riduca la mortalità causata da incidenti stradali.

Nel nostro caso, il corso s’è svolto nella pista di Misano Adriatico (Rimini), ma la scuola è itinerante e programma diverse sessioni in tutta Italia, dal circuito di Franciacorta (Brescia) a quello di Recalmuto (Agrigento) e Binetto (Bari), passando per Monza, Vallelunga (Roma) e Mores (Sassari). Larga parte dei corsi (1.500 l’anno) è offerto dalla BMW ai suoi clienti tramite i concessionari, ma chiunque può prendervi parte: il prezzo di un giorno di corso di avviamento alla guida sicura parte da circa 400 euro, quelli di guida sicura da 1.300. 

Che cosa si può imparare, nelle 2 ore di prove pratiche e 5 ore di test in pista? Si può scoprire che cosa sono sovrasterzo e sottosterzo e come contrastarli; quanto il fondo bagnato influisca sull’aderenza, e quanto provvidenziale possa essere in certe situazioni l’intervento del controllo elettronico della stabilità. Si può scoprire che i cosiddetti “trasferimenti di carico” – cioè lo spostamento del peso della vettura quando si accelera o si rallenta – influenzano pesantemente il comportamento dell’auto in curva: non a caso l’ex pilota Stohr definisce la frenata in curva come “la madre di tutte le sbandate”. Si impara a impostare correttamente una curva o un tornante, frenando quando le ruote sono ancora diritte, poi sterzando con un filo di gas e accelerando leggermente per “uscire” meglio dalla curva. E poi si prova a frenare a fondo per evitare un ostacolo improvviso: in caso d’emergenza, è inutile modulare la frenata, come raccomandavano le autoscuole prima della diffusione a tappeto dell’Abs. Bisogna “pestare” sul pedale fino in fondo (consapevoli del fatto che l’Abs interverrà evitando il bloccaggio delle ruote) e premendo contemporaneamente il pedale della frizione, in modo da evitare che il “pizzicamento” accidentale dell’acceleratore – sì, succede – possa proiettare l’auto verso il pericolo. Esperienze che è utile fare almeno una volta in condizioni di totale sicurezza, in pista e con gli istruttori al fianco, in modo da non farsi trovare impreparati nel caso si presentasse, su strada, un’emergenza reale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fiat Ducato, la sesta generazione del furgone italiano famoso nel mondo

next
Articolo Successivo

A cinque porte e la roadster Superleggera: arrivano le Mini che non ti aspetti

next