“Abbiamo perso ma bisogna riconoscere che loro sono stati migliori di noi e che abbiamo commesso degli errori”. Vicente Del Bosque non accampa scuse dopo la sconfitta pesantissima per 5-1 della sua Spagna contro l’Olanda. Il commissario tecnico delle Furie Rosse, al termine della gara, spiega: “Un’umiliazione mondiale? Io posso dire che la sconfitta è meritata e sono cosciente della delicatezza del momento. In difesa siamo stati troppo deboli”.

Del Bosque vuole ora ripartire dagli errori commessi nel match contro gli Orange: “Siamo stati troppo deboli in difesa – dice ancora il ct spagnolo -, settore nel quale abbiamo sbagliato veramente troppo. Però dobbiamo uscirne fuori alla svelta: un vero sportivo non si abbatte e cerca subito di riprendersi, e per questo cercheremo di pensare fin da domani alla partita del 18 a Rio contro il Cile”.

Il ct spagnolo passa poi ad analizzare la partita: “E’ la legge dello sport e bisogna accettarla – continua -, ovviamente anche nel caso in cui si perde. Nel secondo tempo loro sono stati nettamente migliori. Nel primo invece abbiamo dominato noi, ma è successo che dopo aver fallito il 2-0 con Silva abbiamo preso il gol del pareggio. Riconosciamo i nostri errori, però i miei giocatori hanno lottato per un miglior risultato. Dopo il 2-1 di Robben a inizio ripresa l’euforia ha ‘invaso’ l’Olanda, mentre noi non abbiamo reagito”.

La Spagna deve già concentrarsi sulla prossima partita per evitare di uscire in anticipo dal Mondiale: “Ora so benissimo che dobbiamo riprenderci e trovare alla svelta delle soluzioni che ci permettano di fare bene nella nostra prossima partita, contro il Cile perché ci servirà assolutamente una vittoria”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mondiali Brasile 2014: Spagna-Olanda 1-5, il tabellino e le pagelle

prev
Articolo Successivo

Mondiali 2014, Londra pronta alla sfida con l’Italia: attesi 300mila tifosi in centro

next