Fabio Capello ci crede. E non lo manda a dire. Anche la Russia è arrivata in Brasile non solo per partecipare ma anche per vincere i Mondiali, rassegna dalla quale manca dal 2002. La nazionale di Mosca è atterrata a San Paolo con un volo partito da Mosca, salutato da circa 200 sostenitori, tra cui Roman Shirokov, il capitano che è stato costretto al forfait a causa di un infortunio al ginocchio. Il ct si è detto ottimista rispondendo alle domande dei cronisti prima della partenza per il Sudamerica.

“Ciascuno dei miei è pronto a dare il meglio di sè in Brasile, ma non azzardo pronostici perchè ogni squadra ha una chance di vincere la Coppa del mondo prima del fischio d’inizio”, ha detto Capello ai reporter che lo incalzavano all’aeroporto Cheremetievo di Mosca. La Russia è inserita nel gruppo H: esordirà il 17 giugno contro la Corea del Sud a Cuiaba, poi affronterà il Belgio il 22 al Maracanà di Rio de Janeiro e l’Algeria il 26 a Curitiba.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brasile 2014, non c’è accordo sui premi: giocatori del Camerun verso il boicottaggio

next
Articolo Successivo

Brasile 2014, Ciro Immobile: “Giusto che giochi Balotelli, ma io ci sono”

next