‘“In questo momento a tutti è stato chiesto di fare tagli da parte di aziende private e, a maggior ragione, da parte dello Stato”. Così il direttore del Tg La7 Enrico Mentana commenta il provvedimento di taglio di 150 milioni alla Rai. La reazione, secondo il giornalista è “molto corporativa”. “Molte persone – dice a margine di un convegno a Roma – hanno approfittato del fatto di stare in Rai per stare al riparo dalla concorrenza”. “Non vorrei che la Rai facesse la fine di quei principi che dicono: ‘Stavolta mi vendo soltanto un cucchiaino d’argento’ – conclude -. No: bisogna fare i conti con il fatto che non c’è più la monarchia”  di Paola Mentuccia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rai, Freccero: “Tagli milionari? Segnale di disprezzo di Renzi per tv di Stato”

next
Articolo Successivo

‘Le Iene’ e il presunto ‘business’ dei minori

next