La terza dispensa di Englisch Politik è dedicata all’inglese da esportazione, l’inglese che parte dall’Italia ed arriva fino a Berlino.

Vista la crescente importanza della casa comune, abbiamo da sempre inviato il meglio del meglio in Europa. Oggi non siamo più il paese della pizza e del mandolino ma sbattiamo i pugni, urliamo e sventoliamo passaporti e documenti anche davanti ai volti di arcigni poliziotti teutonici.

Clement Mastella, “Parlamentary Europey”, sposato dal 1975 con Sandy, un’insegnante di inglese, in una fredda sera berlinese apostrofa così un esterrefatto Polizist: “Ahoo, ahooo, ahooo, cos’ ‘e pazz’, I am Parlamentary Europey, I am my wife, ma è  mia moglie, che cazzo fate qua, che state facendo?”

E’ l’apoteosi dell’inglese del terzo millennio.

Riscontriamo in ordine cronologico un richiamo alle radici sannitico-ceppaloniche del docente (cos’ e’ pazz’ ), una massiccia dose di Englisch Politik (I am Parlamentary Europey, I am my wife) e una chiosa in italo-Marchese-del-Grillo (Che cazzo fate qua? Che cazzo state facendo?).

Tralasciando Ceppaloni e il Marchese, nella terza dispensa ci concentriamo su due grosse novità: l’inversione sostantivo-aggettivo e il sillogismo di Berlino.

Nel primo fenomeno osserviamo un’inversione attribuibile ad una interferenza romanza della posizione dell’aggettivo (Europey) e una mutazione di “member of Parliament” che viene fuso in un “Parlamentary”, ecco quindi spiegato il “I am Parlamentary Europey”.

Più complicata risulta l’analisi di “I am my wife”. Per fortuna Aristotele e la storia ci vengono in aiuto. A non molta distanza dallo scontro-incontro del nostro Parlamentary Europey con i tutori dell’ordine tedeschi, un certo John Fitzgerald Kennedy aveva affermato che un attacco a Berlino sarebbe stato un attacco al mondo libero (“Ich bin ein Berliner, io sono un Berlinese”).

Ecco che, inevitabilmente, la storia si ripete, anche se immancabilmente da una possibile tragedia si passa ad una imperdibile farsa.

Infatti, se Sandy e’ la moglie di Clement e Clement è “Parlamentary Europey”, allora ogni sopruso perpetrato nei riguardi di Sandy è un atto irriguardoso nei confronti del Parlamentary Europey che può quindi trasformare il kennediano “Ich bin ein Berliner” in “I am my wife”, ossia, parafrasando il Marchese del Grillo, “I am Parlamentary Europey, I am my wife e quindi (cos’ ‘e pazz’) io sono mia moglie e voi non siete un cazzo”.

Nel prossimo numero la quarta dispensa di Englisch Politik: B. vuol dire fiducia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Affitti, se vuoi la ricevuta non vai in vacanza!

next
Articolo Successivo

Terzo settore, luci ed ombre nella proposta di riforma del governo Renzi

next