“Nei processi vedo il rischio complessivo di indicare il movimento NoTav come il nemico pubblico numero uno”. Claudio Novaro, avvocato torinese, fa parte del collegio difensivo del movimento NoTav. Sarà lui a guidare la difesa al processo, che si aprirà giovedì 22 maggio contro i quattro attivisti arrestati lo scorso dicembre con l’accusa di terrorismo, recentemente contestata dalla Cassazione. Secondo i calcoli del legale, la procura di Torino ha indagato oltre 500 attivisti fino a oggi per un totale di 100 procedimenti. “Facciamo decine di processi contro militanti del movimento NoTav per reati marginali e ciò nonostante vanno avanti con molta più velocità rispetto ai delitti per vicende comuni”. Ieri per uno dei suoi assistiti, Marco Bruno, che nel marzo del 2012 chiamò “pecorella” un carabiniere, è arrivata la condanna a 4 mesi di carcere. “Faremo ricorso”, risponde Novaro  di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ncd, De Girolamo: “Arresto Romano? A quattro giorni dal voto fa pensare male”

prev
Articolo Successivo

Caso Genovese, concessi i domiciliari. Il gip: “Gravità indiziaria confermata”

next