Dell’Ignoto 1, l’assassino di Yara Gambirasio, si conosce il padre. Ora gli investigatori cercano la madre dell’assassino della tredicenne ritrovata senza vita il 26 febbraio 2011, tre mesi dopo essere svanita nel nulla a Brembate Sopra (Bergamo). C’è una nuova pista – secondo L’Eco di Bergamo – sul caso della ginnasta uccisa dopo un tentativo di violenza sessuale.

C’è stata una segnalazione che ha potrebbe stringere il cerchio intorno al killer di cui si conosce il patrimonio genetico, ma non il nome. Quella che riguarda la gravidanza di una ragazza dell’Altopiano di Clusone che avrebbe avuto un bambino dopo una relazione con l’autista di autobus. Lavoro di Giuseppe Guerinoni, conducente di Gorno morto nel 1999 a 61 anni, e considerato dopo il test del Dna come padre naturale del killer. 

La donna, che oggi avrebbe 46 anni, sarebbe rimasta incinta nel 1985, quando aveva 17 anni e frequentava un istituto superiore di Clusone. I carabinieri stanno acquisendo i registri degli studenti che frequentavano in quegli anni le scuole della zona. Si cercano i nomi delle studentesse per fare un confronto con quelli delle giovani madri che tra il 1985 e il 1986 hanno partorito negli ospedali della Bergamasca e del Bresciano. L’assassino di Yara quindi potrebbe avere poco meno di 30 anni. 

La nuova pista è arrivata da un uomo, che nei giorni scorsi si è presentato dai carabinieri raccontando di aver sentito la storia da una conoscente. Quest’ultima, pure lei quarantaseienne, frequentava lo stesso istituto superiore della ragazza-madre e all’epoca aveva saputo della studentessa rimasta incinta e della presunta relazione con un autista dei bus di linea. Nei giorni scorsi era stato effettuato un tampone salivare a una anziana sulla base di alcune voci che le avrebbero attribuito una frequentazione negli anni ’60 con Guerinoni. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Aldrovandi, come risponde la politica alla malattia della polizia?

prev
Articolo Successivo

Napoli, nei guai l’eroina antiracket. Che fine fa l’anticamorra?

next