Ora che i pellegrini, smontate le sedioline riservate ai capi di governo e ai capi di diocesi, possono riformare la coda per entrare nella Basilica di San Pietro; ora che le candele, le fondine, i paramenti di platino vengono rinchiusi a chiave in cassaforte; ora che le sgangherate macchine di polacchi carichi di letizia fanno ritorno a casa; ora che l’evento mai visto s’è visto, Papa Francesco ha completato il rilancio mediatico, popolare, internazionale e anche tecnologico (messa in 3D) del Vaticano.

Di una Chiesa romana che, soltanto un anno e mezzo fa, poteva sfoggiare una miriade di scandali, di qualsiasi genere, edizione, epoche, ma non poteva neanche mostrare un pontefice: il punto più basso non furono le dimissioni di Benedetto XVI, ma la rapida corsa al potere di cardinali con l’arroganza dei principi medievali. Il Vaticano aveva smarrito la credibilità: e senza fiducia, i dogmi non si accettano. Ma questo non è un pezzo religioso o teologico. Poi è arrivato Francesco, il cardinale di strada, argentino, severo e innovativo, non abituato, anzi immune a qualsiasi logica curiale. Jorge Bergoglio ha rimesso ordine come quelli che devono sistemare un armadio fra pessime magliette accartocciate e pregevoli pantaloni in disuso. Ha buttato la parte peggiore: non l’ha messa in lavatrice, l’ha proprio buttata. E poi ha esposto con abilità comunicativa la parte migliore: e Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II, per i cattolici, sono senz’altro la parte migliore.

E un giorno di aprile, molto simbolico, il Vaticano ha santificato due papi col terzo papa emerito, che nella sua debolezza rappresenta il passato, sconfitto, che comunque ha resistito. La retorica giornalistica e politica ha ripreso a costeggiare il cammino di Francesco, capace di far rialzare il prodotto interno lordo vaticano – non il denaro, ma la credibilità – con una velocità imponente e constante. Anche il dittatore Mugabe è passato inosservato come se fosse un colonna di San Pietro. Roma, ieri notte e stamattina, sembrava la città che viene ospitata dal Vaticano e non la capitale che ospita il Vaticano. Per chi ci crede, è un miracolo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Delitto di Mozzate, scomparso il cugino del killer: ipotesi di una terza vittima

next
Articolo Successivo

Taranto, restauro Palazzo degli Uffici: da futuro hotel di lusso a cantiere bloccato

next