Il potere d’acquisto delle famiglie, cioè la quantità di beni che riescono a comprare con i soldi che entrano ogni mese, continua a diminuire. L’anno scorso, tenendo conto dell’inflazione, è calato dell’1,1%. E questo nonostante il reddito disponibile sia salito, in valori correnti, dello 0,3%. Insomma: anche se il livello dei prezzi è aumentato pochissimo (il tasso di inflazione medio è stato dell’1,2%), è stato più che abbastanza per erodere quel poco di respiro che le buste paga avevano conquistato. I dati arrivano dall’Istat, che registra anche un ulteriore discesa della spesa per consumi finali: -1,3% nel 2013. Gli italiani, quindi, continuano a stringere la cinghia e a fare le formiche, mettendo da parte il più possibile. Ipotesi confermata dalla propensione al risparmio, che risulta in salita al 9,8%, +1,4 punti percentuali rispetto all’anno precedente.

A parziale consolazione, va detto che le tasse hanno svuotato un po’ di meno le tasche degli italiani: l’istituto di statistica, infatti, ha calcolato che la pressione fiscale media si è fermata al 43,8%, 0,2 punti percentuali in meno rispetto al 2012. Ma Sempre dall’istituto di statistica arriva poi un dato molto importante per il premier Matteo Renzi, che domani presenterà il Documento di economia e finanza: è quello sul rapporto deficit/pil. Che, nel 2013, è stato pari al 2,8%, in calo di 0,1 punti. A quella percentuale, però va sommato l’impatto dei derivati (operazioni di swap), che è stato di 0,2 punti. Corrispondenti a 3,2 miliardi di euro, in aumento a confronto con il 2012 di 1,3 miliardi (allora l’incidenza si era fermata a 1,9 miliardi). Includendo quelle operazioni si arriva al 3%, ed è questo il numero che fa fede ai fini dei parametri Ue per le procedure su deficit eccessivo. Sempre nel 2013 le uscite totali dello Stato sono diminuite dello 0,5% rispetto all’anno prima e il loro peso sul pil è rimasto invariato al 50,6%. Le entrate totali, però, sono calate anche loro, dello 0,3%, con un’incidenza sul pil del 47,7%.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Credito, Confcommercio: “Su mille imprese solo 26 ricevono finanziamenti da banche”

next
Articolo Successivo

Fisco, crescono le entrate a gennaio-febbraio: più 1,2% rispetto al 2013

next