Azle è un piccolo centro di 10.000 persone vicino a Forth Worth, Texas. Ci fanno petrolio e gas e fracking e reiniezione di rifiuti petroliferi nel sottosuolo. Non è una zona tradizionalmente soggetta a terremoti, ma dal novembre 2013 ci sono stati almeno 30 terremoti di intensità superiore al grado 2,2 della scala Richter, fino ad un massimo di 3,9 Richter. Le autorità dicono che non sanno perché ci siano questi terremoti. La gente è arrabbiata e confusa e dicono di sapere il perché dei terremoti: la produzione di gas naturale nel Barnett Shale della zona.

E le idee di popolo, nella loro semplicità, sono anche le più sensate e dirette. “Something is going on. Stop drilling and see what happens”, ha detto Victoria Ball durante un incontro pubblico a Azle. Semplice no? Tutti hanno applaudito. “I do believe the injection wells are causing the majority of it”, Frances Kulas, un altro residente.

Il direttore del Barnett Shale Energy Education Council, un nome raffinato per indicare i rappresentanti dei petrolieri, Ed Ireland, dice che non ci sono prove sufficienti per arrivare ad una conclusione finale. È un classico dei petrolieri – non dire sì, non dire no, dire che “non si sa” e così continuare indisturbati.

Ma visto che nemmeno in Texas si può negare l’innegabile in eterno, la Commissione Energia dello Stato ha messo su un gruppo speciale di esperti per studiare la correlazione fra terremoti e pozzi di reiniezione di petrolio e di gas ad Azle. Nel frattempo alcuni scienziati della vicina Southern Methodist University hanno installato una ventina di sensori nella zona per raccogliere dati. Tutto è raccolto su questo sito. La sismicità indotta non è nuova in Texas. Già nel 2008-2009 ci fu uno sciame sismico nei pressi dell’aereoporto di Dallas vicino ad un pozzo di reiniezione nell’area, nella città di Cleburne.

Il pozzo di reiniezione non venne più utilizzato dall’agosto 2009. Non ci furono più terremoti. Ovviamente non è la prima volta che si parla della correlazione fra terremoti e trivelle, neanche in Texas, e ci sono studi autorevolissimi, pubblicati su Pnas e su Science a confermare diversi casi di sismicità indotta.

Vediamo cosa concludono a Azle.

Le immagini dei pozzi di Azle e degli eventi sismici sono qui. Qui i casi di CleburneTimpson, nel Barnett Shale su PNAS

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Costa Adriatica: quasi solo cemento

next
Articolo Successivo

Il voto in Sardegna? Un’opportunità per l’Italia

next