Yahoo! lascia l’Italia e si trasferisce a Dublino. Le tante tasse però non c’entrano, almeno secondo quanto sostiene il colosso del web che ha deciso di riorganizzare le proprie attività europee. A partire dal 21 marzo 2014 tutti i servizi in Europa saranno forniti “da una società con sede in Irlanda”. Lo ha annunciato il gruppo del ceo Marissa Meyer in una mail inviata agli utenti con un account di posta elettronica sul celebre portale. La decisione è dovuta a una “più estesa infrastruttura dei data center” e al fatto che Dublino “è già la casa europea di una serie di aziende tecnologiche mondiali”.

“Il trasferimento – spiega la mail – richiede delle modifiche alle nostre condizioni generali per l’utilizzo del servizio e alla politica sulla privacy, fra le quali la più rilevante consiste nel fatto che il tuo contratto verrà trasferito da Yahoo! Italia a Yahoo! Emea”. “Tale cambiamento – prosegue la comunicazione – si applica a tutti i servizi di Yahoo di cui usufruisci, come Mail, Flickr e Answers, che ti vengono forniti da Yahoo! Italia o da una delle nostre altre società europee”. “Il tuo uso continuo dei servizi Yahoo successivamente alla data del 21 marzo 2014 – conclude il messaggio – implica l’accettazione da parte tua delle modifiche alle condizioni generali per l’utilizzo del servizio e alla politica sulla privacy. Qualora non intendi accettarle, sei tenuto a chiudere il tuo account prima del 21 marzo 2014”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rc Auto, lobby assicurazioni contro congelamento riforma: “Occasione persa”

next
Articolo Successivo

Crisi, ultimatum di Squinzi a Letta: “Soluzioni o ci appelleremo a Napolitano”

next