Il Csm apre una pratica su Alessandro Nencini, il presidente del collegio che ha condannato Amanda Knox e Raffaele Sollecito, per l’intervista data dal giudice prima del deposito delle motivazioni. Il Comitato di presidenza di Palazzo dei Marescialli ha dato infatti il via libera alle richieste che erano state presentate dai laici del centrodestra, dall’intera I Commissione e dal togato di Unicost Riccardo Fuzio. La pratica è affidata alla I Commissione, competente sui trasferimenti d’ufficio per incompatibilità delle toghe.

A quanto si è appreso Ciani ha avviato i suoi accertamenti sul magistrato lunedì scorso. Due giorni fa era stato invece il ministro della Giustizia Anna Maria Cancellieri, titolare come il Pg dell’azione disciplinare nei confronti dei magistrati, a incaricare i suoi ispettori di svolgere un’istruttoria sul caso del giudice Nencini. Entrambe le iniziative potrebbero essere il preludio ad un’eventuale azione disciplinare nei confronti del magistrato. Con quella del Pg salgono a tre le indagini in corso su Nencini, visto che anche il Csm ha aperto ufficialmente una pratica sul magistrato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Trapani, arrestato sindaco “antimafia” di Calatafimi: intascò mazzetta

prev
Articolo Successivo

Compravendita senatori, Grasso: “Senato parte civile contro Berlusconi”

next