Greco al Liceo classico, matematica allo Scientifico, lingua straniera al liceo linguistico e pedagogia al liceo pedagogico: sono queste alcune delle materie scelte per la seconda prova scritta della Maturità 2014 e contenute nel decreto firmato dal ministro dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza.  Il decreto individua, inoltre, le materie affidate ai commissari esterni nella scelta delle quali è stato seguito, laddove si è rivelato opportuno, il criterio della rotazione delle discipline. Anche quest’anno dirigenti scolastici e insegnanti presenteranno on line la domanda di partecipazione agli Esami di Stato in qualità di presidenti di commissione e di commissari d’esame. Le prove scritte si terranno mercoledì 18 giugno 2014 (prima prova) e giovedì 19 giugno 2014 (seconda prova).

Gli studenti degli istituti tecnici e professionali potranno svolgere la seconda prova in forma scritta o grafica, utilizzando, eventualmente, anche i laboratori dell’istituto. Le materie scelte sono: per l’istituto tecnico commerciale (ragionieri) economia aziendale; per l’istituto tecnico per geometri estimo; per l’istituto tecnico per il turismo, tecnica turistica; per l’istituto tecnico industriale elettronica e telecomunicazioni, elettronica; per l’istituto tecnico industriale elettrotecnica ed automazione, elettrotecnica; per l’istituto tecnico industriale (informatica), informatica generale e applicazioni tecnico-scientifiche; per l’istituto professionale per agrotecnico, economia agraria; per l’istituto professionale per i servizi alberghieri e della ristorazione, alimenti e alimentazione; per l’istituto professionale per i servizi sociali, psicologia generale e applicata; per l’istituto professionale per Tecnico delle industrie meccaniche, tecnica della produzione e laboratorio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Shoah, oggi in classe si celebra il funerale della memoria

prev
Articolo Successivo

Senza la cultura informatica non bastano le tecnologie

next