Quentin Tarantino non girerà The Hateful Eight, il nuovo western su cui stava lavorando: una delle sei persone che avevano tra le mani la nuova sceneggiatura l’ha pubblicata online, e il regista si è sentito così deluso da decidere di non portare avanti il progetto. “Sono molto, molto depresso. Avevo finito il copione, la prima bozza, e non intendevo girarlo fino al prossimo inverno, da qui ad un anno” ha raccontato al sito Deadline, a cui ha rivelato di averlo inviato solo un pugno di attori e collaboratori, che avrebbero dovuto essere affidabili. “L’ho dato a sei persone”, si tratta di colleghi e amici di lunga data. Intanto sui siti americani iniziano a trapelare i dettagli sulla sceneggiatura del film.

“Ne ho dato una copia a uno dei produttori di ‘Django Unchained’, Reggie Hudlin. Lui l’ha mostrato a un agente che è andato a casa sua – ha detto il cineasta – questo è un tradimento, anche se l’agente, alla fine, non lo ha tenuto. Ho dato il copione a tre attori: Michael Madsen, Bruce Dern, Tim Roth. Quello che so – conclude Tarantino – è che non l’ha fatto Tim. Uno degli altri l’ha dato al suo agente perché lo leggesse, e l’agente lo ha dato a chiunque a Hollywood“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

‘The Wolf of Wall Street’, dieci motivi per un capolavoro

prev
Articolo Successivo

‘The special need’, la sessualità dei disabili in un docufilm ispirato a The sessions

next