Beppe Grillo torna con uno dei suoi one-man-show nei palasport italiani, ad aprile. Lo spettacolo, che debutterà il primo aprile al Palacatania della città siciliana, si intitola ‘Te la do io l’Europa’ e toccherà altre sette importanti città della penisola fino a metà aprile, nel periodo in cui sarà di fatto entrata nel vivo la campagna elettorale per le elezioni europee. Dopo la data di Catania, Grillo si esibirà infatti il 3 aprile a Napoli (PalaPartenope), il 5 aprile ad Ancona (PalaRossini), il 7 aprile a Milano (Teatro Linear4Ciak), il 10 aprile a Bologna (Unipol Arena), l’11 aprile a Padova (PalaFabris), il 12 aprile a Firenze (Mandela Forum), il 14 aprile a Roma (PalaLottomatica).

Dalla sinossi dello show risulta evidente che l’attualità politica sarà al centro della scena. “Un mostro -si legge nella presentazione dello spettacolo- si aggira per l’Europa. Si chiama euro. Chi lo ha frequentato è finito spesso in miseria. Interi Stati sono diventati debitori di una banca, la BCE. Se non paghi, al posto del mafioso, arriva la Troika, che è molto peggio. L’Europa politica si è trasformata in un incubo finanziario. Le nostre vite, dal mutuo della casa, alla caccia al cormorano, sono decise altrove da funzionari sconosciuti. Un’Europa surreale, comica, insostenibile che nessuno ha mai raccontato”. I biglietti sono in vendita, a partire da 20 euro, online al sito www.fastickets.it e nelle prevendite abituali.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italicum, peggio della Legge Acerbo voluta dal fascismo

next
Articolo Successivo

Legge elettorale, “quote rosa? Così sono finte”. E il Salva Lega non è morto

next