Un secondo al giorno per un anno intero. Il risultato? Un video che in 365 secondi riassume dodici mesi di vita da immigrato nella capitale inglese. “Volevo fare della mia vita un capolavoro. Ne è venuto fuori uno sciatto filmato di 5 minuti”, dice l’autore Alessandro Mariscalco sulle colonne del suo blog su Fanpage che lascia volentieri le analisi sull’emigrazione “ai fanatici dei cervelli in fuga”. Per lui emigrare vuole dire “cibi precotti riscaldati al microonde, fagioli Heinz mangiati direttamente in lattina, concerti e mostre, solitudine e sconforto. E lavori frustranti”. Ma Alessandro non demorde: “Continuo a provarci, e a provarci. E ancora a provarci”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Gli italiani emigrano in Australia più degli anni ’50”: oltre 32mila dal 2010

prev
Articolo Successivo

Italiani all’estero, ecco come passano realmente il loro tempo

next