Jep Gambardella di nuovo sul grande schermo dal 16 gennaio. Dopo il trionfo ai Golden Globe e con l’auspicio di un felice cammino ai premi Oscar La Grande Bellezza torna nelle sale cinematografiche. Il film di Paolo Sorrentino sarà nuovamente programmato nelle principali città italiane a partire da giovedì prossimo” fa sapere Medusa Film. Erano 24 anni che l’Italia non vinceva la statuetta per il miglior film straniero assegnata dai giornalisti accreditati a Hollywood: l’ultima volta era stato Giuseppe Tornatore a portare a casa il premio con Nuovo Cinema Paradiso.

“Naturalmente il maggior merito di tutto questo va alla genialità e al talento creativo di Paolo Sorrentino, un autore col quale Medusa e il Gruppo Mediaset condividono da oltre un decennio crescita, successi e intuizioni seduttive, altra indicazione di un cammino felicemente intrapreso nel segno della più costruttiva interpretazione di tendenza cinematografica. Fondamentale, allo stesso modo, il contributo di una nuova schiera di produttori come la Indigo Film di Nicola Giuliano e Francesca Cima, rappresentanti anche loro di una generazione di autori dalla quale lo stesso Sorrentino sta diventando simbolo”, dicono Carlo Rossella e Giampaolo Letta, rispettivamente presidente e vice di Medusa. 

Al regista arrivano anche i complimenti del ministro dei Beni e delle attività culturali e del Turismo, Massimo Bray: “Il cinema italiano è ancora protagonista. Ho avuto l’onore di vedere e apprezzare questo bellissimo film alla sua presentazione a Cannes, insieme al regista e a tutto il cast. Sono convinto che sia necessario scommettere sulla nostra industria culturale, sulla qualità e sulle professionalità che ci contraddistinguono da sempre in questo settore, per raccontare l’Italia e le sue grandi bellezze a tutto il mondo”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La grande debolezza de ‘La Grande Bellezza’

prev
Articolo Successivo

La Grande Bellezza, il merito di un’affermazione internazionale

next