A seguire il discorso di fine anno di Giorgio Napolitano c’erano 279mila spettatori in più rispetto all’anno scorso. Nonostante il “boicottaggio” di Forza Italia e Lega Nord e il contro-discorso di Beppe Grillo, gli ascolti sono cresciuti del 2,8 per cento: sulle reti generaliste, il messaggio ha interessato 9 milioni 981mila telespettatori, contro i 9 milioni e 702mila del 2012. In totale lo share del discorso del presidente sulle reti generaliste è stato del 53,03 per cento.

In particolare, sulle reti Rai si sono sintonizzati un milione di utenti in più rispetto al 2012. Secondo i dati di viale Mazzini, il messaggio del Presidente della Repubblica, trasmesso a reti unificate su Rai1, Rai2, Rai3 e Rainews, è stato seguito da 7 milioni 149mila spettatori e, in particolare, su Rai1, 4 milioni 935mila pari a uno share del 26,23 per cento. Nel 2012, invece, il discorso del Capo dello Stato, aveva raccolto davanti alle reti Rai 6 milioni 373 mila spettatori. Nel dettaglio, quest’anno su Rai1 il messaggio del presidente della Repubblica è stato visto da 4 milioni 935 mila italiani, pari al 26,23% dello share, su Rai2 da 1 milione 047 mila, con il 5,56%, su Rai3 da 1 milione 116 mila persone pari al 5,93% di share.

Aumentano anche gli ascolti di La7, con 706mila spettatori (3,75% di share), 14mila in più rispetto al 2012. In controtendenza, invece, Canale5: sulla rete ammiraglia di Mediaset si sono sintonizzate 2 milioni 177 mila persone, pari all’11,56% di share, con un calo di 460mila spettatori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grillo, Kundera e il buonumore

next
Articolo Successivo

Finmeccanica, India cancella la commessa: “Ok arbitrato”. Scelta Civica: “Mauro lasci”

next