Un altro anno è trascorso. Nihil sub sole novi, direbbero i latini. Se non, potremmo chiosare, che il sole scalda sempre di più…

Sì, continua ad aumentare la temperatura del globe terracqueo, ma continuano anche le guerre, e continua il land grabbing. In Italia continuano le alluvioni che uccidono, si inaugurano nuove grandi opere, aumenta la povertà, non già la sobrietà, che è cosa diversa. Insomma, il capitalismo continua a dettare le sue regole, seminando desolazione. Continuano a rubarci il futuro, o almeno, per chi la vita l’ha ormai vissuta, continuano a rubarlo ai nostri figli.

Un grande pensatore attuale, quel Leonardo Boff, padre della Teologia della Liberazione, ha ben sintetizzato in un recente intervento la situazione odierna: “Il sistema attuale non ama le persone, solo la loro capacità di produrre e consumare. Per il resto sono solo olio esausto nella produzione.”

Finché il sistema non cambierà, la terra e l’uomo non potranno che soffrire. Non ci si deve arrendere, però. Ed a questo proposito, mi sembra che un buon viatico per il futuro rivolto proprio alle nuove generazioni  sia la frase di Camus, mutuata poi dal movimentismo: “Siate realisti, chiedete l’impossibile”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rifiuti, “Terra dei fumi” in tre Regioni per salvare il sud dall’emergenza

prev
Articolo Successivo

Petrolio: Gazprom ci riprova, iniziata l’estrazione nell’Artico

next