E’ stata rinviata a giudizio Mariangela Farè, la suora di Busto Arsizio (Varese) accusata di violenza sessuale nei confronti di una ragazza, che nel frattempo si è suicidata. Ad accogliere la richiesta il gup Luca Labianca. Le indagini sulla suora, 53enne, sono partite nel giugno del 2011: quando la presunta vittima ha deciso di togliersi la vita, a 26 anni.

Gli uomini della Squadra mobile cercarono una spiegazione per quel gesto e la trovarono nei diari della ragazza, in video e lettere scritte dalla suora. In quei fogli e quelle immagini era raccontata una storia di abusi sessuali iniziata nella parrocchia di Busto Arsizio tra il 1997 e il 1998 e continuata per anni, quando la giovane non era ancora una ragazza, ma una bambina di 12 anni. Suor Farè, accusata di violenza sessuale aggravata e atti persecutori, si trova ai domiciliari in una località del milanese dove è stata trasferita e lavora in una scuola di formazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Timbro io per te”. L’assessore abruzzese e il “contratto sessuale” con la segretaria

next
Articolo Successivo

Serial killer Genova, Bartolomeo Gagliano è stato catturato in Francia

next