Bisogna rassegnarsi: l’Europa è diventato uno dei tanti mercati delle aziende globali. E sicuramente non il più importante, saturo e depresso com’è. Infatti, delle quattro novità per l’Europa che Ford ha presentato all’evento “Go further” a Barcellona, nessuna è stata davvero pensata per l’Europa. La strategia del marchio americano è quella di sfruttare il più possibile un portafoglio di modelli comuni venduti in tutto il mondo, in modo da riportare i risultati europei in positivo entro il 2015.

La prima ad arrivare nelle concessionarie sarà la EcoSport, la prossima estate. La baby Suv, sviluppata interamente in Brasile perché a quel mercato era destinata inizialmente, è stata una benedizione per la divisione europea della Ford, che grazie ai colleghi sudamericani ha trovato pronto un modello perfetto per il settore più in crescita del momento. Gli esemplari che guideremo saranno prodotti in India ed equipaggiati con motori consoni ai tempi, fra cui il 1.0 tre cilindri EcoBoost da 125 CV e IL 1.5 turbodiesel da 90 CV. La linea è gradevole, anche se la ruota sul portellone, qui da noi, dicono sia un po’ fuori moda.

Ford Mustang

Nel 2015, altre tre novità: la Mustang, “muscle car” americana con cinquant’anni di storia e cinque generazioni alle spalle, è un modello d’immagine, più che di volumi, venduto per la prima volta anche al di qua dell’Atlantico. Oltre al V8 di 5.0 litri a benzina, la Ford propone fortunatamente un propulsore più “modesto”, il 2.3 EcoBoost. Poi c’è un altro modello “born in the USA”, la Edge: sarà la Suv più grande della gamma Ford e si posizionerà sopra la Kuga. Infine toccherà alla nuova, piccola Ka.

Ford Ka concept

Il modello d’ingresso al listino Ford manterrà lo stesso nome, ma non avrà nulla a che vedere con la generazione attuale, costruita sul pianale della Fiat 500. Come la EcoSport, anche la prossima generazione della Ka è nata per il Sudamerica ma sarà poi esportata anche da noi, con i dovuti adattamenti, per esempio con l’aggiunta del sistema multimediale Synk. Costruita sulla base della Fiesta, e quasi grande altrettanto, la prossima Ka ha per la prima volta cinque porte. L’aspetto è molto più tradizionale rispetto ai modelli che l’hanno preceduta, anche perché questa è dichiaratamente un’auto che punta sul prezzo e non sul design. La Ford prevede che il segmento delle citycar crescerà del 35% dal 2012 al 2017, passando da 4 a 6,2 milioni. A livello globale, naturalmente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Chevrolet, addio all’Europa dal 2016. GM la sacrifica per rafforzare Opel

prev
Articolo Successivo

Fine di un mito: Bmw introduce la trazione anteriore con la Serie 2 Active Tourer

next