Il 2012 era stato definito l’annus horribilis e il 2013 non è certo andato meglio. A fine ottobre, infatti – secondo l’indagine Nielsen presentata all’inaugurazione di Più Libri Più Liberi, la fiera della piccola e media editoria che si tiene a Roma fino a domenica è stato registrato un -6,5% a valore (circa 65 milioni di euro in meno rispetto allo stesso periodo del 2012 nei canali trade) e un -13,8% rispetto al 2011 (circa 151 milioni di euro in meno).

Anche quest’anno sono i libri per ragazzi a far registrare un segno positivo: arrivano a coprire il 14,6% (era il 13,3% nel 2012) delle vendite. Perde qualcosa la fiction straniera (che copre il 25%, era il 25,4% nello stesso periodo del 2012), cresce quella italiana (raggiunge il 14,1%, era il 13,8% nel 2012) così“ come riprende quota la saggistica (la cosiddetta non fiction generale, oggi 17,3%, era al 17,1% nel 2012). In calo la non fiction pratica (guide, libri per il tempo libero, libri di cucina, famiglia e benessere che passa dal 16 al 15,1%) e la non fiction specialistica (vi rientrano testi di management, giurisprudenza, business, economia, computer, IT, che passa dal 14,5 al 14%).

La piccola editoria perde, confermando anche il trend generale, più dei grandi editori a copie, meno a valore: dai dati, da cui è esclusa la grande distribuzione, che tratta solo marginalmente la produzione dei piccoli editori, si evince che i piccoli perdono il 6,2% a copie e il 5,3% a valore. La ragione? I prezzi dei piccoli editori risultano in media più alti di quelli dell’anno scorso.

Poco distribuiti e con scarsa visibilitàˆ nelle grandi catene, i piccoli editori si stanno imponendo nelle librerie online dove pesano per l’11,9% e solo per il 9,9% su quelle indipendenti e per il 7,4% su quelle di catena.

“Purtroppo – ha spiegato il presidente dell’Associazione Italiana Editori (AIE) Marco Polillo – anche questi dati mantengono quel trend negativo cominciato da alcuni anni. Esistono tuttavia situazioni particolari su cui occorre riflettere: lo spostamento verso l’online delle vendite dei piccoli editori potrebbe essere dovuto non solo da una maggiore familiarizzazione del pubblico alle vendite sul web ma anche – e questo sarebbe in prospettiva molto pericoloso – da un minore assortimento nelle librerie della produzione dei piccoli. Contrastante anche il dato˜ che riguarda i valori dei libri per bambini: estremamente significativo che questo particolare mercato continui a essere in controtendenza rispetto a quello generale. È da studiare allora quella che sembrerebbe una disaffezione nei confronti del libro da parte dei genitori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Il Fatto Personale

di Antonio Padellaro 12€ Acquista
Articolo Precedente

Prima della Scala 2013, Napolitano e Barroso salutano la Traviata. Letta no

next
Articolo Successivo

Filosofia: traduzione come prassi politica. ‘L’analisi laica’ di Sigmund Freud

next