“Dobbiamo migliorare la comunicazione tra noi e gli iscritti ai meetup, questo è l’unico problema che riscontro”. Alessio Villarosa, capogruppo alla Camera del M5S, commenta così a Montecitorio l’incontro avvenuto lo scorso weekend tra alcuni eletti e i meetup del Movimento 5 Stelle. “Manca un rapporto più stretto con i nostri attivisti – dichiara -, perché loro non sanno che la piattaforma è pronta ed ha già in se la prima proposta del M5S da valutare con gli attivisti che riguarda l’abolizione del finanziamento pubblico per l’editoria”. E ancora: “Il portale è in test e la prossima settimana, o forse in questa, vedrete le prime proposte e gli attivisti potranno fare le prime proposte”. E sul post di Beppe Grillo nel quale si annunciava che la piattaforma non ci sarebbe stata e che bastava solo il blog di Grillo? Per Villarosa: “Invito a rileggere bene quel post perché forse non era chiara, ma Beppe e Gianroberto specificavano che la piattaforma era già in beta test, c’è anche se gli attivisti non possono vederla questa, io l’ho vista ed è bellissima”. E sul mancato e tanto atteso incontro tra Beppe Grillo e i deputati e senatori 5 Stelle in seguito alle polemiche sul tema dell’immigrazione, Villarosa spiega: “L’incontro non è stato fatto semplicemente perché quella giornata non era una giornata utile per molti dei deputati e senatori, poi i giornali hanno un po’ esagerato con i termini, ma l’incontro lo faremo prossimamente”. Infine sul collega Alessandro di battista che in radio ha affermato che nel Movimento comanda Gianroberto Casaleggio e non Beppe Grillo, Villarosa smorza ogni polemica: “Alessandro scherzava, nel movimento ne Beppe né Goanroberto hanno la voglia di comandare”  di Manolo Lanaro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge stabilità, Alfano: “Migliorabile, non è Vangelo. Mai parlato di scissione del Pdl”

next
Articolo Successivo

Grillo: “Il primo dicembre Vday a Genova”. Renzi: “Basta piazza. Pensi a lavorare”

next