Per fare fronte al disagio causato dalla crisi, sempre più italiani si rimboccano le maniche e si danno all’associazionismo no profit. Nel giro di dieci anni, dal 2001 al 2011, il numero delle organizzazioni è cresciuto del 28%, superando quota 300mila. Il settore dà lavoro a 680mila persone in Italia, ma il dato più sorprendente è quello dei quasi 5 milioni di volontari (per la precisione 4 milioni e 760mila), pari all’8% della popolazione. Lo rivela un rapporto di Confartigianato, che si sofferma anche sul boom di badanti e collaboratori domestici. Nel 2011, il loro numero sfiorava quota 900mila e registrava un’impennata negli ultimi 5 anni, in cui sono aumentati del 54%, in crescita di 26mila unità.

Dalla rilevazione arriva anche la conferma del quadro drammatico del fronte lavoro: più di 3 milioni di italiani disoccupati, ai quali si aggiungono 1.703.500 inattivi “scoraggiati” (che non cercano lavoro perché pensano di non trovarlo) e 318mila cassintegrati, per un totale di oltre 5 milioni di persone (pari al 10% della popolazione) in gravi difficoltà. La crisi ha peggiorato anche le condizioni di vita degli over 65, vale a dire più di 12 milioni di italiani, pari al 20,8% della popolazione, percentuale destinata a toccare il 33,1% nel 2050.

Altro dato rilevante all’interno del rapporto, quello relativo al mondo dell‘impresa italiana. Gli imprenditori della Penisola si distinguono per essere i più numerosi tra i Paesi Ue: sono più di 5 milioni e mezzo, pari al 9,3% della popolazione. Nonostante la difficile congiuntura economica, la relazione registra un aumento dei posti di lavoro creati all’interno delle imprese italiane, a discapito del settore primario e dei dipendenti pubblici. Tuttavia, il periodo cui i dati si riferiscono, dal 1997 al 2012, è in buona parte antecedente allo scoppio della crisi.

In questo intervallo di tempo, le imprese dell’economia reale (manifatturiero, costruzioni e servizi non finanziari) hanno creato 1.614.300 nuovi occupati; nello stesso periodo l’agricoltura ha perso 430mila occupati, la Pubblica amministrazione è calata di 147.500 addetti e il settore finanza e assicurazioni ha incrementato gli occupati di sole 49.300 unità. “Si conferma l’assoluta prevalenza dell’economia reale sull’economia finanziaria nella creazione di posti di lavoro: la crescita dell’occupazione nell’economia reale è 33 volte quella dell’economia finanziaria” evidenzia il rapporto di Confartigianato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La meglio gioventù dei ‘talenti antimafiosi’

prev
Articolo Successivo

La politica non basterà, la cultura inventi luoghi nuovi

next