“Estrema soddisfazione e orgoglio per l’ordine record”, ha commentato Giuseppe Bono, amministratore delegato di Fincantieri, festeggiando la commessa aggiudicata da 1,1 miliardi di dollari. Le quattro navi posatubi ordinate, che serviranno a supportare costruzioni offshore, saranno consegnate nel secondo e terzo trimestre 2016. Ma non saranno realizzate in Italia. Due saranno costruite nel cantiere rumeno di Tulcea e allestite in quello norvegese di Soviknes e altre due saranno realizzate nel cantiere brasiliano di Promar.

Bono ha spiegato che “anche in Italia, potendo contare su un campione della cantieristica come Fincantieri, su importanti operatori a livello mondiale nel comparto dell’oil & gas e su un network di piccole e medie aziende altamente specializzate, si potrebbe attivare proficuamente un cluster in grado di competere sul mercato internazionale con ricadute sull’economia italiana, per aumentare il valore aggiunto delle nostre industrie e quindi i loro margini e ampliare la base occupazionale del Paese con competenze di altissimo livello”.

Fincantieri si è aggiudicata l’ordine attraverso la controllata norvegese Vard, impegnata nella progettazione e costruzione di mezzi di supporto alle attività di estrazione e produzione di petrolio e gas naturale. Le navi sono state ordinate da DOF Subsea, gruppo norvegese specializzato in ingegneria per l’industria sottomarina, e Technip, multinazionale francese con 38mila dipendenti che opera nel settore energia.

La commessa miliardaria, e la notizia che la produzione sarà in Romania e Brasile, arriva in un momento particolarmente delicato per l’azienda. E’ infatti in corso un braccio di ferro all’interno del gruppo tra operai, sindacalisti e direzione, con l’ultimo sciopero scattato nelle ultime settimane dopo che la società ha messo in cassa integrazione 30 operai minacciando di spostare la produzione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Debito pubblico ancora in crescita: “A giugno nuovo record a 2.075 miliardi”

prev
Articolo Successivo

Sviluppo economico: l’acqua calda, gli uomini di casa e la triste storia delle leggi

next