Divieto di fumare le sigarette elettroniche e anche di accendere una ‘bionda’ vera negli spazi aperti delle scuole italiane. Lo prevede il disegno di legge proposto dal ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, attualmente all’esame del Consiglio dei ministri. Il testo contempla quindi l’estensione del divieto di fumo vigente per i luoghi chiusi anche alle aree all’aperto degli istituti scolastici di ogni ordine e grado. Divieto di fumo in auto in presenza di minori e donne incinte.  

Oltre alla stretta sul fumo il ddl prevede interventi sulla sperimentazione clinica dei medicinali, il riordino delle professioni sanitarie e la formazione medico specialistica, ma anche sicurezza alimentare, benessere animale, e “norme per corretti stili di vita”. Fra gli altri articoli il disegno di legge dovrebbe contenere anche nuove norme sulle scritte che dovranno essere messe sui pacchetti di sigarette. Ma nel grande capitolo sugli stili di vita, il ministro, così come aveva annunciato in Parlamento durante la presentazione delle linee programmatiche della sua azione, potrebbe aver voluto inserire molto altro ancora, come le campagne informative per promuovere tra i giovani a ridosso della maggiore età percorsi di prevenzione, che implicano controlli sanitari preventivi presso medici e strutture del Sistema sanitario nazionale, che aveva annunciato sempre in Parlamento.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trenitalia non fa sconti al Sud

next
Articolo Successivo

Infanzia: ‘Where the children play’: pensieri estivi

next