E’ stato trovato morto questa mattina l’amministratore delegato di Swisscom, Carsten Schloter. Il corpo dell’uomo, che era anche presidente di Fastweb (società controllata dal gruppo svizzero), era nella sua abitazione vicino Friburgo, in Svizzera.

Schloter, 50 anni, era il numero uno di Swisscom dal 2006: la direzione dell’azienda – spiega una nota – è conferita ad interim a Urs Schaeppi, responsabile di Swisscom Svizzera. Quanto alle cause della morte in una nota della società si sottolinea che gli accertamenti sono in corso ma la polizia presume un suicidio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lampedusa, mettetevi nei panni degli eritrei. E festeggiate la loro vittoria

next
Articolo Successivo

Riccarelli, lo scrittore che fingeva d’esser sano

next