Gad Lerner dice che Berlusconi è un puttaniere incompatibile con lo Stato? Forse parla di se stesso, mentre si guarda allo specchio. E’ lui che va con le mignotte perché è brutto e per andare con qualcuna deve pagare”. Così Emilio Fede a “La Zanzara”, su Radio24, commenta quanto scritto da Gad Lerner nel suo blog a proposito della condanna del Cavaliere nel processo Ruby. “Garduccio, Gardenia, Gad, o come cavolo si chiama lui” – affonda il nuovo direttore de “La discussione” – “non può permettersi, né ha nessun titolo per dire questo nei confronti di nessuno. Lo conosco quando eravamo entrambi socialisti, lui a me diceva di essere vicino a Craxi, poi a Craxi diceva di essere vicino a me. Se lo incontro, gli dico in faccia che è un imbecille“. E aggiunge: “Lerner deve vergognarsi, non si deve permettere, lui non è un cazzo di nessuno. E’ un vigliacco, è vile. Metaforicamente parlando, è un cretino. Non fa bella figura” – prosegue – “è pure brutto, le sue trasmissioni non hanno successo…ma stia zitto”. Emilio Fede è inarrestabile: “Secondo me, Lerner ha sognato di essere un uomo di fascino. Infatti, si è fatto la barba, poi si è tagliato la barba, insomma ha un complesso. E glielo voglio dire senza malizia: fatti le punturine. Conosco” – continua – “un chirurgo plastico cinese bravissimo che lo può rifare a nuovo a poco prezzo. Poi può andare in giro a dire: ‘Io sono Lerner’. Ed essere fiero di se stesso”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cicchitto: “Salta la pacificazione? Si sta facendo di tutto per far saltare il tavolo”

prev
Articolo Successivo

Roma, manifestazione pro B. “Siamo tutti puttane”. Insulti alla cronista del Fatto

next