E’ passata la linea della censura, ma almeno è servita per il cambio di strategia. Commenta così, all’indomani della sua espulsione ratificata dagli utenti del blog di Beppe Grillo, la senatrice Adele Gambaro. Si dice amareggiata: “E’ accaduto tutto molto in fretta, in una settimana – dice – Non ho ancora capito perché sia prevalsa la linea della censura per una critica garbata che non aveva alcun intento divisivo”. La Gambaro dice che probabilmente andrà nel gruppo misto. 

La senatrice sottolinea che “dal punto di vista umano, con i miei colleghi, non cambia nulla. Ringrazio i tanti che mi hanno difeso e che hanno condiviso le mie parole”. Ma la Gambaro legge la sua espulsione come una tappa necessaria al Movimento Cinque Stelle. Un passaggio chiave per il cambio di strategia di Grillo che ieri ha telefonato a Paola Pinna e a Tommaso Currò, due dei parlamentari “dissidenti”: “Da quanto apprendo dai giornali, vedo che ora il M5S chiama al telefono i parlamentari scontenti – aggiunge la senatrice – dimostrando di aver scelto strade più conciliative come auspicavo ai microfoni di Sky. Spero che la mia espulsione sia servita almeno a questo”. Per un giudizio sulla sua esperienza nel M5S “è un po’ presto” dice ancora la Gambaro. C’è delusione ma non rabbia. La parlamentare bolognese chiede tempo per riflettere. “E’ successo tutto in una settimana – spiega – Io avevo fatto questa breve intervista, questo intervento: l’avevo fatto come un consiglio ad abbassare i toni. E’ successo di tutto”.

Ma raccontano le agenzie di stampa che dopo l’espulsione di Adele Gambaro tra i 5 stelle continua il “disagio”, così lo definisce qualcuno dei dissidenti, per quello che viene descritto come un “clima pesante e da caccia alle streghe“. Ma allo stesso tempo, secondo quanto apprende l’Agi, i cosiddetti “integralisti” stanno pensando a una strategia diversa per placare gli animi ma soprattutto per dimostrare che molti di coloro che criticano il Movimento in realtà sono solo interessati ai soldi. E in quest’ottica sarebbe stata ritirata la richiesta di espulsione per la Pinna. Perché, viene spiegato, la deputata sarda “sarebbe solo interessata a non restituire i soldi della diaria” e “noi la vogliamo mettere spalle al muro con i fatti”. Accuse che arrivano non soltanto dagli ortodossi ma anche da qualcuno tra i dissidenti. 

Radio Anch’io ha parlato anche il capogruppo al Senato Nicola Morra: “La radiazione della senatrice Adele Gambaro dal Movimento 5 Stelle non è stata una vittoria, ma semplicemente il riconoscimento della necessità di correggere un errore”. Secondo Morra il gruppo del Senato sta dimostrando “grande capacità di tenuta”, perché “eravamo 163 parlamentari e ora siamo 159″. “Non siamo una maggioranza bulgara – rileva – ma discutiamo tutti insieme perché questa è la democrazia”. 

Restano tuttavia i dubbi tra alcuni parlamentari di Palazzo Madama. La senatrice Serenella Fucksia, che già nel giorno della “ratifica” dell’espulsione sul web, ribadisce oggi a Repubblica che “il voto non è rappresentativo. Ma dico, ma si può far votare dalle 11 alle 17? Io avevo da lavorare, non ho potuto neanche votare. Non è una cosa normale. A quell’ora possono votare solo i cosiddetti fanatici della Rete”. Contraria all’espulsione, la senatrice spiega di non avere nulla contro Beppe Grillo, lui è il “megafono” dei 5 Stelle, ma “anche qualcosa di più”. “Il Parlamento non è solo critica – dice -, noi vogliamo e dobbiamo anche costruire”. Il caso Gambaro “è stato un errore. Un grave errore. Una vicenda iniziata male e finita peggio”, precisa, ma “il movimento è vivo e dagli errori ci possiamo rinforzare. Per ripartire”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Dimissioni di massa? Meno male che Gasparri c’è

prev
Articolo Successivo

M5S, anche tra i milanesi monta il malumore su espulsioni e “carriere”

next