Atterraggio di emergenza a Fiumicino. Un aereo della Wizz Air, in servizio sulla linea Bucarest-Ciampino, ha compiuto la manovra d’urgenza dopo avere riscontrato problemi con il carrello destro e un motore. Sul posto vigili del fuoco, polizia, carabinieri e la polizia aeroportuale, mentre la pista dell’aeroporto è stata bloccata.

I 165 passeggeri hanno lasciato con gli scivoli il veivolo, che ora è inclinato su un’ala. Ci sarebbero, secondo l’Ansa, tre feriti, che non hanno riportato traumi ma sono in stato di choc e sono assistiti direttamente sulla pista dall’unità sanitaria di Aeroporti di Roma. La compagnia aerea ha tuttavia precisato che ”equipaggio e passeggeri non hanno riportato ferite e Wizz Air lavorerà con le autorità per investigare sull’accaduto”.

Tutti gli altri passeggeri verranno accompagnati in un’area dello scalo romano per essere assistiti. L’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo ha aperto immediatamente un’inchiesta di sicurezza di competenza sull’incidente, inviando sul posto un team investigativo per la raccolta delle prime evidenze utili all’indagine.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

‘Ndrangheta, il pentito Lo Giudice ritratta. “Subito pressioni da Dda”

prev
Articolo Successivo

Brescia, ragazzo va a scuola in mimetica con un fucile. Arrestato

next