Dieci anni di 610.  Alle 23.40 su Rai3 andrà in onda il live del programma cult di Radio2 con Lillo & Greg ed Alex Braga. Lo spettacolo, andato in scena all’auditorium conciliazione lo scorso 17 maggio e contemporaneamente in diretta radiofonica su Radio2, ha tra i suoi protagonisti Nino Frassica, Virginia Raffaele, Paola Minaccioni, Andrea Perroni, Simone Colombari, Lallo Circosta , Massimo Bagnato, Chiara Sani e la partecipazione straordinaria di Frankie hi-nrg e Flavio Insinna.

Si va dalle le pillole di saggezza del grande capo Estiqaatsi, le gesta eroiche di Normalman, le performance in calabrese estremo di Pasquale Dianomarina. E poi lo slang di Sharon Cenciarelli, gli oroscopi del mago Acirfass. Personaggi storici e nuove gag con gli immancabili tormentoni e gli sketch surreali come il “guinnes dei primati”, “il poeta Caraglia” e “il quizzaccio” e “corri in edicola”. Ad accompagnare la satira sottile e implacabile di Lillo, Greg e Alex Braga, i Jolly Rockers, la band capitanata da Max Paiella, che farà rivivere le atmosfere del rock. 

“Sei, Uno, Zero – dice il direttore di rete, Flavio Mucciante – ha segnato per primo il cammino di un nuovo modo di pensare alla radio, debuttando in versione radio-tv e web sui canali digitali della Rai con grande successo. Merito di una comicità geniale e creativa, forse unica in Italia, che non mette alla berlina singoli personaggi ma denuncia vizi, storture, manie, paradossi della società di oggi – continua Mucciante- una comicità sempre attuale eppure senza tempo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Camilleri: “La Costituzione? Mandata in vacca. Il Paese è in mano ai ricattatori”

next
Articolo Successivo

Roma, Ostiense: un “vuoto” al posto dei resti. Lì sorgeranno palazzi

next