Ieri sera Paolo Becchi, civettando con Vittorio Feltri in tv, ha cercato di spiegarci che tutti i problemi del MoVimento, scoppiati alle ultime elezioni amministrative, stanno nella sua, dell’M5S, giovane età: son ragazzi, si faranno… Siccome nonostante tutto gli sono amico, volevo segnalargli che fra le Politiche, dove l’M5S ha preso il venticinque per cento, e le Amministrative, dove si è dimezzato, la differenza non sta nell’età dei candidati, che è più o meno la stessa. La differenza sta nel fatto che, mentre alle Politiche c’è il Porcellum e i pirla puoi anche candidarli di nascosto, salvo poi ritrovarteli in Parlamento, alle Amministrative no, la loro pirlaggine emerge subito, e così finisce che la gente non ti vota.

Le minimizzazioni di Becchi, d’altra parte, sono nulla rispetto alle macro giustificazioni del Capo in persona, il Subcomandante Grillo. È vero, Beppe non ha detto che è stata colpa degli italiani, come scrivono oggi i giornali: ma ha detto, se possibile, qualcosa di molto peggio. Ha detto che ci sono due Italie: un’Italia dei pensionati e dei lavoratori dipendenti, che si sente minacciata nei propri privilegi (la pensione e lo stipendio!) e allora vota gli altri partiti; un’Italia dei precari e dei lavoratori autonomi, che invece voterebbe il MoVimento. Ora, a parte che Becchi e io apparteniamo alla prima Italia, ma questi sono problemi di Becchi, mi domando: ma allora, perché il M5S non prende il cinquanta per cento? E soprattutto: come diavolo pensa di arrivare al cento per cento, sterminando metà degli italiani?

Ma qui riemerge, mi spiace dirlo, il problema della pirlaggine: la vera ragione per cui il MoVimento candida tanti mediocri, e perde le Amministrative. La vera ragione è che per fare la Rivoluzione, come Beppe pretende, bisogna essere i migliori; bisogna avere dei capi credibili, con un minimo di cultura; bisogna che questi si scelgano dei collaboratori bravi, capaci anche di dirgli dei no, e non dei cloni o dei servi sciocchi.

Ma soprattutto bisogna capire come funziona la democrazia: che non è quella roba lì, ognuno conta per uno e Grillo per tutti. La democrazia ha a che fare con i valori e i sogni delle persone, non solo con i loro interessi. Se fosse solo per i nostri interessi, non ci sarebbe neppure passato per la testa, ad altri e a me, di spaccare Pd e Cinquestelle per mettere insieme il meglio di entrambi: i più onesti, i più bravi, soprattutto i più liberi. Grillo, invece, mi ricorda quella vignetta di Snoopy che diceva: una volta, quand’ero cucciolo, ho saltato la staccionata del canile, ma ero ancora sul pianeta Terra. Beppe, ormai hai una certa età, ripassa sotto la staccionata e torna sul nostro pianeta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Movimento 5 Stelle, il crollo è veramente dovuto a ragioni politiche?

next
Articolo Successivo

Elezioni amministrative, Renzi: “Grillo? Un ferro vecchio della Prima Repubblica”

next