Tra le urne semi deserte lasciate vuote da elettori che hanno preferito il mare alle solite facce, dalla Sicilia arriva un segnale chiaro in direzione di Roma: le ammucchiate portano male. Lo dice l’isola degli alambicchi e dei laboratori politici, la stessa Regione un tempo berlusconiana senza se e senza ma, che oggi ha messo in crisi Angelino Alfano. Dopo vent’anni di Eldorado, il Pdl in Sicilia non solo non vince più, ma fa perdere gli alleati.

Tanto si è parlato di una grande vittoria del centro sinistra al primo turno. Poco si è detto (o hanno detto) sul fatto che il Pd da queste parti vince solo quando mantiene la sua coalizione nell’ambito della sinistra e presenta soltanto facce decenti. In caso contrario (vedi Ragusa o Messina) è destinato a soccombere.

Perchè c’è una Sicilia che ripugna le larghe intese, le chiama al massimo grandi ammucchiate, e manda un grillino dalla faccia pulita sostenuto da Sel a fare il sindaco di una città splendida come Ragusa.

C’è una Sicilia che se ne fotte dei posti di lavoro a tempo di Francantonio Genovese ed elegge l’attivista No Ponte Renato Accorinti sindaco di Messina. C’è una Sicilia per bene, che vuole essere rappresentata da persone per bene.

E il governatore Rosario Crocetta, un giorno dialogante con il Movimento Cinque Stelle, con Sel e con Ingroia, l’altro immortalato sorridente con Berlusconi mentre a Ragusa il suo Megafono candida un ex sodale di Totò Cuffaro, dovrebbe decidere definitivamente da che parte stare. Una volta e per tutte.  

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ballottaggi Sicilia 2013, 5 stelle vincono a Ragusa. Affluenza in picchiata

next
Articolo Successivo

Elezioni Sicilia 2013, bocciate le larghe intese. Trionfo M5S e candidato ‘no ponte’

next