La cricca degli appalti del G8 sarà processata il 30 settembre. L’accusa per l’ex presidente del consiglio superiore dei lavori pubblici Angelo Balducci, l’imprenditore Diego Anemone e l’ex dirigente del ministero dei Beni Culturali Gaetano Blandini è di corruzione.  A giudicarli sarà l’ottava sezione penale del Tribunale di Roma.

La decisione del giudice per l’udienza preliminare Maddalena Cipriani ha così accolto le richieste dei pubblici ministeri Ilaria Calò e Roberto Felici, che già nel maggio dello scorso anno ottennero il sequestro conservativo di beni e proprietà per un valore di 16 milioni di euro.  

Secondo l’accusa,  Balducci, a comunciare dal 1999, avrebbe fatto assegnare appalti ad Anemone per un importo complessivo di 300 milioni di euro. E in cambio l’imprenditore avrebbe finanziato opere cinematografiche dove recitava il figlio di Balducci, Lorenzo. Tra gli appalti quelli alla Maddalena, ai mondiali di nuoto e quelli per le celebrazioni del150° anniversario dell’Unità d’Italia. Quanto a Blandini,  si sarebbe occupato di far pervenire i finanziamenti alla produzione dei film dove compariva Balducci tra il 2005 e il 2009.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Trattativa, lo Stato processa se stesso. Ma non si presenta in aula

prev
Articolo Successivo

Brescia: i morti senza giustizia di piazza della Loggia

next